Mostra 7 risultato/i
Maschere

Su Beccu (“Il Montone”)

Figura secondaria del carnevale ottanese, indossa pelli bianche ma a differenze delle altre maschere, ha con se una sola campana. La maschera lignea è caratterizzata da corna che possono essere sia di legno, che di osso, quando queste vengono recuperate dopo la morte dell’animale.

Maschere

Su Molente (“L’asino”)

L’ultima figura è l’asino. Indossa un sacco di iuta, materiale di cui sono fatti anche i gambali. Anche per quanto riguarda questa figura all’interno dei gruppi solitamente è presente uno solo di questi.

Maschere

Su Crappolu (“Il Cervo”)

La figura del cervo del cervo è un’altra maschera minore del carnevale ottanese. La particolarità di questa è che nella parte inferiore del muso, riprende la fisionomia de su boe, mentre nella parte superiore, quella delle corna, sono posizionate lunghe corne di cervo, in questo si possono avere due possibilità: la prima è che le …

Maschere

Su Porcu (“Il Maiale”)

Figura minore del carnevale ottanese, ma comunque presente alle sfilate carnevalesche. si differenzia completamente dalle maschere descritte in precedenza in quanto indossa un sacco di iuta, di cui sonoi fatti anche i gambali.

Maschere

Sa Filonzana

Sa Filonzana rappresenta un’anziana vedova che tesse il filo della vita con il suo archetto e con le forbici che porta sempre al collo. Indossa lo stesso tipo di maschera del Merdule, ma si differenzia dallo stesso per via degli abiti, in quanto è completamente vestita di nero, come da usanza fra le donne sarde …

Maschere

Su Merdule (“Padrone del Bue”)

La parola Merdule è la contrazione di “Mere ‘e su ule” che tradotto significa “Padrone del Bue”. Indossa pelli bianche e gambali dello stesso colore, porta sulle spalle una sacca in pelle, chiamata sa bertula. Porta con se un bastone che viene chiamato “Su Matzuccu”. Il compito del Merdule è quello di dominare Su Boe. Il rapporto fra l’uomo e …

Maschere

Su Boe (“Il Bue”)

La maschera richiama la figura taurina, sulla fronte è intagliata una stella, in dialetto “s’isteddu”. Sulle guance sono intagliate due foglie. I colori usati sulla maschera tipicamente sono il rosso, il verde e il nero, questo perchè questi colori naturali erano di facile reperibilità in natura. Indossa pelli di pecora bianche, un grappolo di campanacci …